Certificazioni

ECOCERT iTALIA

Ecocert é un organismo internazionale attivo ed indipendente di monitoraggio e certificazione fondato in Francia nel 1991 da ingegneri agricoli consapevoli della necessità di sviluppare un agricoltura che rispetti l'ambiente.
Ecocert esamina i prodotti cosmetici, i loro ingredienti naturali, le loro qualità naturali ed ecologiche.

Ecocert ha contribuito allo sviluppo dell'agricoltura biologica nel 1990, partecipando alla stesura della normativa francese ed europea.
Sempre molto impegnato nello sviluppo dell'agricoltura biologica, Ecocert interviene oggi con le istituzioni francesi e internazionali per sostenere progetti di sviluppo.
Conquistando la fiducia dei professionisti e dei consumatori, Ecocert è diventata una certificazione di riferimento organico in tutto il mondo.
Oggi Ecocert è uno dei marchi più noti nel campo della standardizzazione dei cosmetici naturali e gode di fiducia elevata a causa dei test e delle valutazioni severe dei prodotti.

 

Marchio IGP - Arancia Rossa di Sicilia

Il termine indicazione geografica protetta, meglio noto con l'acronimo IGP, indica un marchio di origine che viene attribuito dall'Unione europea a quei prodotti agricoli e alimentari per i quali una determinata qualità, la reputazione o un'altra caratteristica dipende dall'origine geografica, e la cui produzione, trasformazione e/o elaborazione avviene in un'area geografica determinata. Chi produce IGP deve attenersi alle rigide regole produttive stabilite nel disciplinare di produzione, e il rispetto di tali regole è garantito da uno specifico organismo di controllo.

 

Global Gap

Il protocollo Global GAP definisce le buone pratiche agricole ( G.A.P. > Good Agricultural Practice ) relative agli elementi essenziali per lo sviluppo della best practice (migliore tecnica) applicabili ad aziende agricole, coltivazioni e prodotti della terra, allevamenti.

Il protocollo è stato creato dall'Eurep (Euro-Retailer Produce Working Group), che unisce alcune tra le più importanti catene commerciali europee, al fine di rispondere alle crescenti esigenze di sicurezza alimentare e di rispetto dell'ambiente.

Il primo standard pubblicato è stato l’EurepGAP Ortofrutta (Fruit and Vegetable), successivamente integrato dall’EurepGAP IFA (Integrated Farms Assurance), uno standard modulare per le attività di produzione agricola e allevamento. Oggi nella sua ultima versione denominata GLOBAL G.A.P. 3.0-1_2 giugno 07

Al protocollo GLOBAL G.A.P. hanno aderito diversi soggetti coinvolti nella filiera agroalimentare:

Produttori (singoli o figure collettive)
GDO Europea
Membri associati (laboratori, enti di certificazione, società di consulenza, aziende produttrici di mezzi tecnici per l'agricoltura).
La certificazione di prodotto GLOBAL G.A.P costituisce uno strumento di vantaggio competitivo, soprattutto nelle relazioni Business to Business.

Punti chiave

Il protocollo prevede la gestione di requisiti relativi a:

Aspetti ambientali (storia e gestione dei siti, gestione del terreno e dei rifiuti)
Prodotto (fitofarmaci impiegati, tecniche di irrigazione, protezione delle colture, modalità di raccolta e trattamenti postraccolta)
Salute degli animali
Salute e sicurezza dei lavoratori e le loro condizioni di lavoro
Elementi relativi alla gestione aziendale.

Sono possibili due opzioni di certificazione a fronte del Protocollo GLOBAL GAP:
singola azienda agricola: Op. 1
cooperativa o associazione di aziende agricole.questoviene richiesta anche la stesura di un Disciplinare Tecnico che descriva gli elementi di Sistema Qualità attraverso i quali la cooperativa/associazione gestisce e coordina tutte le aziende agricole per garantire la conformità ai requisiti richiesto dal Protocollo Globalgap: Op. 2

BIO

In tempi di crisi come quelli che stiamo attualmente vivendo la GREEN ECONOMY vanta con i suoi dati un trend di crescita positivo nel mercato

Scegliere BIO significa impegnarsi nella tutela della biodiversità ambientale e culturale, custodendo il territorio senza inquinare la terra e le acque; significa mantenere e ricreare l’equilibrio degli ecosistemi nel tempo e valorizzare la cultura e le tradizioni locali

Scegliere BIO significa decidere di avere uno sguardo aperto sul pianeta di oggi e su quello di domani; significa affrontare le difficoltà del nostro presente costruendo modelli di sviluppo sostenibili per migliorare la nostra qualità di vita e consegnare ai nostri figli e alle generazioni future un mondo sano e giusto

Scegliere Bio significa adottare uno stile di vita sostenibile, abbracciare una cultura di pace e di cooperazione basata sul rispetto e sulla consapevolezza delle nostre azioni, significa passare da consumatori a consum-attori, uomini e donne che si prendono la responsabilità di orientare il mercato verso un modo di produrre sempre più responsabile e sostenibile a livello ambientale e sociale.